• info@studiozamboni.it
  • 030 39 04 00

Algoritmi per la selezione del personale? Sì, ma solo sotto il controllo umano

  • Home / Algoritmi per la selezione del personale? Sì, ma solo sotto il controllo umano

Algoritmi per la selezione del personale? Sì, ma solo sotto il controllo umano

Tecnologia e recruiting: sarà un algoritmo a selezionare candidati per un posto di lavoro?

Secondo un recente sondaggio di Monster.it la risposta è no per il 45% degli intervistati. Per la maggioranza delle persone, un robot non potrà mai valutare una persona meglio di un essere umano. Solo il 26% della platea la pensa in maniera diversa: secondo questa percentuale “la prospettiva di un robot recruiter che si occuperà in futuro della loro selezione, e non un recruiter in carne e ossa” rappresenta una possibilità non preoccupante.

Una piccola percentuale (6%) del totale ha affermato, invece, che gli algoritmi sono talmente precisi ed attendibili da poter sostituire gli umani.

Come spesso accade, la ragione sta nel mezzo: nessuna intelligenza artificiale potrà mai sostituire l’essere umano ma gli algoritmi impostati possono essere di grande aiuto ai responsabili delle risorse umane per snellire e semplificare il lavoro quotidiano.