• info@studiozamboni.it
  • 030 39 04 00

” Le cose da non fare ad un colloquio di lavoro ” ( Pt.4)

  • Home / ” Le cose da non fare ad un colloquio di lavoro ” ( Pt.4)

” Le cose da non fare ad un colloquio di lavoro ” ( Pt.4)

Siamo giunti all’ultimo appuntamento della nostra rubrica sulle ” Cose da non fare ad un colloquio di lavoro”.

Se vi siete persi gli altri appuntamenti, li trovate tutti qui sul nostro sito nella sezione ” Notizie”.

Adesso però passiamo subito alle “cose formali”, e vediamo gli ultimissimi 5 consigli:

1.Dare del Lei: a proposito di cose formali, banale ma non scontato, dare sempre del Lei. Umberto Eco diceva: “Darsi sempre del tu è una finta familiarità che rischia di trasformarsi in insulto”, a maggior ragione se siamo in un contesto come quello di un colloquio di lavoro.

2.Il tono della voce: lo sapevate che si può capire molto di una persona dal tono di voce ? Il volume e l’intensità con cui si pronunciano le parole, definiscono come interagisce una persona con se stessa e con gli altri. Dunque provate a tenere un tono di voce normale, senza urlare, ne tanto meno bisbigliare.

3.Non parlare della vita privata: Quasi sicuramente durante il colloquio vi verrà fatta la domanda: ” Mi parli di Lei “. Sappiate che i selezionatori si riferiscono alle vostre capacità e competenze, alla vostra carriera lavorativa e scolastica. Non gli interessa se avete un gatto o un cane, o se vivete in città o in campagna.

4.Incrociare le braccia, mettersi le mani in tasca e gesticolare troppo: sarebbe meglio evitare, durante un colloquio, di assumere una posa troppo chiusa (per esempio con le braccia conserte) o rilassata (per esempio stravaccati sulla sedia come se fossimo al bar ).

5.Chiedere le ferie: non dire mai che hai già una vacanza in programma tra qualche settimana, aspetta di avere un lavoro prima di chiedere ferie.

Cercare e trovare lavoro è una sfida quotidiana, speriamo nel nostro piccolo di avervi aiutato.

La rubrica ” Le cose da non fare ad un colloquio di lavoro” finisce qui, ma non preoccupatevi perché presto torneremo con una nuova rubrica.